youtube twitter linkedin facebook instagram
Home Page

Questa news è relativa alle seguenti aree di attività: Marchi e segni distintivi

Condividi

Torna indietro
14/04/2022

Il fumus commissi delicti nei procedimenti per i reati di contraffazione e alterazione di marchi o segni distintivi

La Corte di Cassazione, con sentenza 01.04.22, n. 12217, ha affermato che il fumus commissi delicti, nei procedimenti per i reati di contraffazione e alterazione di marchi o segni distintivi, non richiede alcuna indagine in ordine alla loro validita’ sostanziale.

 
Informativa Privacy  |  web by NET BULL